Il tanto atteso ritorno sui binari del mitico treno ETR 252 “l’Arlecchino” dopo un accurato restauro, si annuncia con un viaggio lungo i binari d’Italia.

Il Treno dei Desideri era unico al mondo, caratterizzato da una serie di soluzioni tecniche e stilistiche innovative. La linea bombata inconfondibile e gli allestimenti interni lussuosi frutto dei famosi stilisti Giulio Minoletti e Gio Ponti, sviluppava su tutta la parte anteriore una vetrata panoramica che dava sul salottino di prima classe, mentre la cabina di guida era posta al di sopra dello spazio per i passeggeri. Il convoglio era composto da sette carrozze con scomparti provvisti di divanetti e poltrone orientabili e un ristorante di gran lusso. Superati nel tempo da treni più veloci e confortevoli, gli ETR vennero mantenuti in servizio fino al 1992 e poi smantellati. 

L’ultimo esemplare di questo elettrotreno di lusso è stato recuperato dalla Fondazione FS Italiane dai binari di Falconara Marittima (AN). Trasferito dal 2016 presso le officine di Voghera, è stato oggetto di pulitura e restauro, ma anche di lavori di ammodernamento per rinnovare lo spirito di avanguardia che lo caratterizza.

Il 3 ottobre, in occasione della Festa del Ferroviere, prima uscita commerciale dell’ETR 252 “l’Arlecchino”. Il mitico elettrotreno, simbolo del boom economico degli anni ’60, viaggerà da Bologna a Firenze, percorrendo l’ottocentesca ferrovia Porrettana per concludere la sua corsa alla stazione di Roma Termini in un tour rievocativo dei mitici treni rapidi del passato.

Il treno straordinario in programma il prossimo 3 ottobre da Bologna a Firenze e Roma ha fatto registrare il tutto esaurito in meno di 48 ore. Grande successo, quindi, per la prima uscita commerciale dell’ETR 252 “L’Arlecchino”, evento atteso da numerosi appassionati che non si sono lasciati sfuggire l’opportunità di viaggiare a bordo del mitico treno simbolo del Made in Italy.

Considerato il grande successo, la Fondazione FS, prossimamente, organizzerà nuovi itinerari con l’ETR 252 sulle linee ferroviarie più belle del nostro Paese.

Ad Maiora, Arlecchino!

www.fondazionefs.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Questo contenuto è protetto! Se trovi interessante i miei articoli, condividili con i tuoi amici e colleghi.